Come dimagrire dopo le feste natalizie: alimenti e consigli

Come dimagrire dopo le feste natalizie

Un pezzetto di pandoro oggi, uno di cioccolato domani: sul momento sembrano tentazioni innocenti alle quali possiamo cedere, ama alla resa dei conti, ad inizio gennaio, ci ritroviamo con qualche chilo in più che sarà difficile da smaltire nelle prossime settimane. Uno studio inglese ha scoperto che i chili messi su durante le festività natalizie ci metteranno almeno tre mesi per andare via, e comunque a patto di mettere in atto strategie dimagranti e una seria remise en forme. Ma come dimagrire dopo le feste natalizie e le abbuffate? Rispondere a questa domanda in modo netto e semplice non è possibile, possiamo solo farvi un compendio di consigli utili che arrivano da nutrizionisti, personal trainer e guru del fitness.Quanto si ingrassa a Natale

Quanto si ingrassa a Natale

Lo stesso studio citato prima dimostrò che un inglese medio consumava, solo per il pranzo di Natale, circa 2300 calorie, cioè il 115% del RDA giornaliero di una donna e il 92% per l’uomo. Una ricerca condotta dalla Cornell University e pubblicata sul Food and Brand Lab, invece seguì l’andamento e i cambiamenti di peso di 3mila persone di nazionalità statunitense, giapponese e tedesca per scoprire che ogni zona del mondo ha un periodo critico che generalmente corrisponde alle vacanze natalizie.

In linea generale gli esperti ritengono che durante le festività di Natale si mettano su, in media, 2 chili, per arrivare ai 3-4 chili o anche ai 5 chili.

Perdere chili dopo le feste

Allora, e come rimediare a una settimana di abbuffate o anche più? Il trucco non è certamente il digiuno, che non può far bene (anche e qualche esperto decanta le meraviglie del digiuno come eccellente strategia disintossicante e dimagrante), ma una serie di accorgimenti utili per ritornare in aroma gradualmente e in modo permanente. Ecco alcuni consigli:

  • Comprare un contapassi: un individuo può bruciare 400 calorie al giorno percorrendo 10.000 gradini, che equivale a una porzione di budino natalizio con un pizzico di crema. Un contapassi mostrerà quante calorie si stanno bruciando e incoraggerà a muoversi di più;
  • Ballare: il nuovo anno può rappresentare l’occasione perfetta per bruciare un po’ di calorie divertendosi e sfrenandosi. Un’ora e mezza di danza da discoteca fa bruciare 450 calorie;
  • Giocare con i bambini: assemblare giocattoli, piegarsi, alzarsi e abbassarsi, raccogliere i giochi e prendere in braccio i bambini sono tutte attività brucia calorie. Un’ora di gioco leggero fa bruciare circa 120 calorie;
  • seguire un regime alimentare controllato, con pochi carboidrati (da consumare a pranzo) e grassi e ricco di fibre, proteine e acqua.Come dimagrire dopo le feste natalizie

Dieta per depurarsi e sgonfiarsi

A Natale non abbiamo ecceduto solo con i cibi, ma anche con alcol, sigarette e zuccheri. Urge una dieta detox e non solo dimagrante. Ecco i consigli dei nutrizionisti per depurarsi e perdere i chili presi durante le abbuffate di Natale.

  • Fai una colazione da re: al mattino ci si sente affamati, soprattutto se la sera prima abbiamo consumato una cena leggera. Importantissimo, dunque, fare una ricca colazione e soprattutto distribuire l’apporto calorico in più pasti piccoli durante la giornata;
  • via libera alle fibre: le fibre riempiono e favoriscono l’equilibrio della flora batterica intestinale. Pasta integrale, riso e pane integrale, frutta fresca e secca, verdure, noci e semi, cereali integrali e altre fonti di fibra non solo ci fanno sentire sazi (perché assorbono l’acqua come spugne e si dilatano nello stomaco) ma ci spingono a masticare più a lungo, aumentando il grado di soddisfazione;
  • preferisci alimenti con basso indice glicemico: questi alimenti forniscono zuccheri che entrano lentamente nel sangue fornendo un apporto di energia costante, ciò ti farà sentire soddisfatto e non avrai bisogno di ricorrere a spuntini vari. Alimenti a basso indice glicemico sono: pasta integrale, verdure e frutta, cereali integrali, lenticchie, fagioli, noci, riso integrale, pane integrale;
  • seleziona alcuni tipi di proteine: mangiare piccole quantità di carne magra, pollo, latticini, uova, pesce. Gli studi confermano che gli alimenti ricchi di proteine aiutano a sentirsi più sazi, soprattutto se queste pietanze sono state assunte al mattino, ad esempio per colazione;
  • mangia lentamente; il cervello richiede circa 20 minuti per ricevere il segnale di sazietà;
  • dissetati a sufficienza: molto spesso pensiamo di avere fame mentre in realtà abbiamo più sete. Proviamo a bere un bicchiere d’acqua prima di afferrare uno snack. L’acqua è fondamentale per il corretto funzionamento di tutti i processi del corpo e combatte ritenzione idrica e secchezza cutanea rendendo la pelle più luminosa e idratata;
  • riduci la caffeina: pensiamo spesso che la caffeina dia una sferzata al metabolismo e aiuti a dimagrire, ma uno studio dell’Università della Pennsylvania ha scoperto che troppa caffeina aumenterebbe la sensazione di fame.
Leggi anche: Come funziona la dieta chetogenica, menu e schemi

Dieta detox dopo il Natale

Infine ecco una lista di alimenti noti per le loro proprietà disintossicanti che possiamo inserire regolarmente nella nostra dieta di inizio anno:

  • Carciofi: i carciofi aumentano naturalmente la produzione di bile e sono ricchi di vitamine C e K, sostanze antiossidanti, inoltre una sola unità contiene quasi 10 grammi di fibre. Pefretti da preparare al vapore o in forno conditi con il limone e prezzemolo;
  • Asparagi: sono un ottimo diuretico naturale e favoriscono l’attività e il funzionamento del fegato. Perfetti se consumati insieme a del riso basmati o riso integrale;
  • Avocado: questo frutto grasso e salato è una superstar detox perché contiene il glutatione, che aiuta il fegato a disintossicarsi dalle sostanze chimiche sintetiche, contribuendo a liberare il corpo dalle tossine;
  • Basilico: un naturale antibatterico, il basilico aiuta il metabolismo e l’eliminazione delle sostanze chimiche nel sangue. Perfetto da aggiungere ad un”insalata di farro;
  • Barbabietole: contengono un mix di sostanze fitochimiche e minerali che la rendono un ottimo purificatore del sangue e detergente per il fegato;
  • Broccoli: aumentano il glutatione, che favorisce l’eliminazione delle tossine. Da mangiare tutto, anche il gambo, conditi con semplice limone e olio Evo oppure da frullare per fare un sugo con pasta integrale;
  • Cavolo: stimola l’attivazione di due enzimi detossificanti epatici cruciali;
  • Finocchio: il finocchio protegge il fegato dalle sostanze chimiche nocive. Perfetti se consumati crudi o anche al forno con del formaggio fuso.

Fonti e Bibligrafia