Periodo migliore per la mastoplastica additiva

Periodo migliore per la mastoplastica

Molte donne che intendono fare un intervento di aumento del seno si domandano quale sia il periodo migliore per la mastoplastica, quanto tempo bisogna considerare per i tempi di recupero e come pianificare la mastoplastica additiva per arrivare in forma e perfettamente guarite all’estate. Partendo dal presupposto che un intervento di chirurgia plastica non è una procedura di urgenza quindi si può programmare con largo anticipo tenendo conto sia dei propri impegni personali e lavorativi che delle indicazioni relative al postoperatorio e ai tempi di recupero, possiamo dire che il periodo migliore per fare una mastoplastica è compreso tra l’autunno e la primavera, inverno compreso. Insomma solo l’estate sarebbe da evitare a causa del caldo eccessivo, che può causare disagio per i bendaggi e le medicazioni compressive, e per l’esposizione ai raggi del sole che va evitata assolutamente nei primi mesi dopo la mastoplastica additiva.mastoplastica additiva risultato

Quando fare mastoplastica additiva

Una delle migliori stagioni per fare una mastoplastica è la primavera, da aprile a fine maggio, ma sono perfetti anche i mesi autunnali e quelli invernali, passate le feste natalizie che spesso ci vedono impegnate in feste, cenoni e pranzi in famiglia. La primavera è ideale perché le donne vogliono arrivare perfette all’estate per sfoggiare il nuovo décolleté sulla spiaggia, inoltre l’estate è anche la stagione in cui si può dimagrire più facilmente e iniziare a seguire uno stile di vita e alimentare più sano grazie alla frutta e verdura di stagione, un’alimentazione più leggera e le maggiori opportunità di fare attività fisica.

I vantaggi della mastoplastica in primavera sono:

  • clima ancora abbastanza fresco;
  • bambini ancora a scuola;
  • tempi di recupero perfetti per arrivare all’estate perfettamente guarite.

I vantaggi di fare una mastoplastica in autunno e inverno sono:

  • clima freddo che non fa sudare, non fa soffrire per i bendaggi compressivi, permette di indossare abiti che coprono;
  • tempi di recupero perfetti per arrivare all’estate in piena forma;
  • bambini a scuola.

Naturalmente il periodo invernale da evitare è quello di dicembre perché ci si avvicina alle vacanze natalizie con tutto il carico di impegni e stanchezza che queste comportano.seno dopo mastoplastica

Mastoplastica additiva cosa sapere

Come funziona il post operatorio della mastoplastica e quali sono i tempi di recupero? Bisogna considerare ameno due settimane durante le quali non vanno pianificati viaggi o attività faticose. Molte donne si sentono bene già dopo pochi giorni dall’intervento ma comunque le ferite si stanno cicatrizzando e bisogna avere una certa accortezza nei movimenti che vengono fatti, vanno evitate attività pesanti e faticose e cercare di riposare.

Per poter andare in spiaggia sfoggiando il nuovo décolleté bisogna considerare circa sei settimane e in ogni caso sarà indispensabile applicare una crema solare con fattore di protezione 50+ per proteggere le cicatrici e la pelle.

Leggi anche: Domande sulla mastoplastica

Va ricordato comunque che anche durante le vacanze al mare bisogna usare particolare attenzione nel praticare attività come beach volley, tennis in spiaggia, danze troppo energiche, nuoto a mare: i vasi sanguigni del seno sono molto delicati, probabilmente sono stati danneggiati dall’intervento e richiedono più tempo per guarire. Insomma vanno evitate tutte quelle attività che possono provocare una reazione di rossore che può causare lividi ed ematomi che aumenta a una volta il rischio di contrattura capsulare.

Infine precisiamo che le protesi hanno bisogno di un certo tempo per assestarsi nella mammella che per qualche settimana potrà sembrare gonfia e tesa. Va messo in conto che il risultato migliore, quello definitivo, quindi morbido e naturale, potrà vedersi anche dopo 3-6 mesi.

circonferenza-seno

Come prepararsi alla mastoplastica

Nel valutare infine, quale sia il periodo migliore per la mastoplastica additiva bisogna mettere in conto che in genere dopo la prima visita con il chirurgo possono passare circa 4-6 settimane prima di potersi operare. Bisognerà scegliere la tecnica migliore e ordinare le protesi più adatte alle singole esigenze e andranno fatti tutti gli esami preoperatori e le analisi richieste dal chirurgo.